GLI OSPEDALI VALDESI DEL PIEMONTE

l'Ospedale valdese di Torino

 

GLI OSPEDALI VALDESI DEL PIEMONTE

di Eugenio Bernardini
Moderatore della Tavola Valdese

 

Nel 2004 una legge della Regione Piemonte sancì il passaggio definitivo e irrevocabile degli ospedali valdesi di Torino, Torre Pellice e Pomaretto dall’amministrazione valdese a quella regionale. L’art. 1 di questa legge (L. R. 11/2004) dichiara: “La Regione Piemonte, considerato l’alto valore sociale dell’attività svolta, garantisce il mantenimento dei livelli di prestazione erogati dai presidi ospedalieri della Commissione Istituti Ospitalieri Valdesi, (CIOV)”.

l'Ospedale valdese di Torre Pellice

 

Gli stessi concetti e impegni furono ribaditi dalla Giunta regionale in due successivi protocolli d’intesa con la Tavola Valdese in applicazione dell’art. 5, comma 1 della L.R. 11/2004: il “Protocollo d’intesa per la salvaguardia della specificità e identità dei presidi sanitari valdesi” (20 aprile 2005) e un “Atto integrativo” (2 luglio 2007) del protocollo medesimo che istituiva una Commissione Consultiva per il presidio ospedaliero di Torino. Questa Commissione – che prevede il pieno e diretto coinvolgimento della Tavola Valdese – dovrebbe esprimere “parere obbligatorio sugli atti di programmazione e organizzazione” relativi al medesimo. In realtà, però, da alcuni anni non è più stata convocata.

La legge, dunque, riconosceva a questi tre Istituti un carattere particolare sia per la loro storia e identità – espressione di oltre 150 anni di impegno socio-sanitario della Chiesa valdese – sia per la cultura sanitaria che vi si è espressa, sempre attenta alla professionalità medica ma anche alla dignità della persona umana. Anche per questo hanno continuato a mantenere la denominazione “valdese”.

l'Ospedale valdese di Pomaretto

 

Ora tutto ciò sembra destinato a finire o a ridursi a realtà irrilevante per il servizio sanitario pubblico, che è stato lo scopo della nostra missione per decenni e il motivo per cui, invece di tenerci questi Istituti trasformandoli in cliniche private, abbiamo deciso di cederli alla Regione per continuare la vocazione di sempre a favore di chi soffre e ha bisogno di cure e sostegno a prescindere dalle proprie capacità economiche.

Il 16 novembre ho scritto al Presidente della Repubblica perché ci aiuti a difendere questo presidio di sanità per tutti insieme a chi, in questi anni, ha continuato a sostenerci e incoraggiarci. Siamo convinti che, per questi Istituti e per un sistema sanitario pubblico degno di questo nome, ci sia ancora un futuro.

 

1 dicembre 2012

dal sito http://www.chiesavaldese.org/

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in CHIESA VALDESE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...