LA GRECIA SI TROVA AD AFFRONTARE UNA CRISI UMANITARIA di Alex Politaki

 



Gli standard di povertà dell’UE evidenziano che la Grecia è in crisi. Ma gli Stati membri non vogliono ammettere che è colpa del loro ‘salvataggio’

Le società europee in genere presumono che le crisi umanitarie avvengano solo in seguito a calamità naturali, epidemie, guerre o guerre civili. Che una tale crisi potrebbe accadere in un paese europeo, in particolare in uno dei membri dell’Unione Europea, sembra fuori questione per molti di noi.

E ancora un certo numero di esperti non ritengono che la Grecia sia attualmente al centro di una crisi umanitaria. Il capo di Médecins du Monde, Nikitas Kanakis, la ONG più grande e più importante in Grecia, è stato tra i primi a dichiararlo apertamente. La zona del porto di Perama, vicino ad Atene, in particolare, è nel bel mezzo di una catastrofe umanitaria. La Società Medica di Atene, la più grande organizzazione professionale del suo genere, ha anche inviato una lettera formale alle Nazioni Unite per chiedere un intervento.

Se di questa crisi umanitaria si è finora parlato poco, ci sono ragioni politiche. Riconoscendo la gravità della situazione, il governo greco e l’UE avrebbero anche ammesso che la situazione attuale è stata determinata dal cosiddetto “salvataggio” economico della Grecia. Così le autorità hanno scelto di tacere.

E’ vero che non esiste un accordo generale su ciò che è una crisi umanitaria. Ma la definizione utilizzata da chi ha esperienza nel settore è pratica e semplice. Una crisi umanitaria è di solito caratterizzata da crescente povertà, da crescente disuguaglianza nel settore dell’istruzione e della protezione sociale, e dalla mancanza di accesso ai servizi di assistenza sociale. Indicatori particolarmente importanti sono la perdita di accesso ai servizi sanitari di base, visite mediche, ricoveri e farmaci. In altre parole: quando si vede una crisi, non confonderla con qualsiasi altra cosa.

La Grecia non aveva mai immaginato che si sarebbe potuta mai trovare in una crisi umanitaria. Secondo l’Indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite, nel 2008 la Grecia si è classificata 18° nel mondo. Nessuno nel paese aveva veramente mai pensato che questo poteva cambiare in modo così drammatico.

Era una falsa sicurezza offerta da parte delle istituzioni e dei meccanismi dell’UE. Gli Stati membri erano tenuti a pagare per questo titolo immaginario, rispettando esigenti criteri economici e politici. Il paradosso è che anche l’Unione europea, il presunto garante della sicurezza e prosperità degli Stati membri, ha modi ben definiti di misurare la povertà, sia assoluta che relativa, che dimostrano che una crisi umanitaria in Grecia esiste.

Sulla base dei criteri e dei dati dell’Unione Europea, la Grecia è un paese in condizioni di povertà grave. Nel 2011, il 31,4% della popolazione, ovvero 3,4 milioni di persone, viveva con un reddito inferiore al 60% del reddito mediano nazionale disponibile. Allo stesso tempo, il 27,3% della popolazione, ovvero 1,3 milioni di persone, era a rischio di povertà. Non ci sono dati ancora per il 2012, anche se le cose sono certamente peggiorate.

Utilizzando ulteriori indicatori UE, una grande percentuale di famiglie greche vive attualmente in condizioni di “deprivazione materiale”. Un po’ più del 11% in realtà vivono in condizioni di “deprivazione materiale estrema”, il che significa senza abbastanza riscaldamento, elettricità, l’uso di una macchina o di un telefono. Significa anche avere una dieta povera, priva di carne o pesce su base settimanale, così come l’incapacità totale o parziale di far fronte alle spese di emergenza o di pagamenti per l’affitto e le bollette.

L’inefficacia dei programmi europei per il reinserimento dei disoccupati nel mercato del lavoro e la mancanza di programmi nazionali di protezione sociale hanno spinto in Grecia ancora più in basso il livello di povertà. Il tasso di disoccupazione degli adulti è pari a 26,8% nel mese di ottobre 2012. Questo livello, anche se enorme rispetto al recente passato, continua a non dare il quadro completo.

Manca, ad esempio, la disoccupazione derivante dal fallimento di migliaia di piccole imprese. Ai disoccupati vanno aggiunti i lavoratori poveri, vale a dire, i lavoratori con bassi salari tali da non poter soddisfare le esigenze basilari. Il 13% della forza lavoro rappresenta la più alta percentuale di lavoratori poveri nella zona euro.

Ci sono tre indicatori che meglio evidenziano la crisi umanitaria. In primo luogo, il numero di persone senza fissa dimora è salito a livelli senza precedenti per un paese europeo: stime non ufficiali lo calcolano a 40.000. In secondo luogo, la percentuale di beneficiari greci dei servizi medici delle Ong in alcuni centri urbani è stata registrata al 60% del totale nel 2012. Questo sarebbe stato impensabile anche tre anni fa, dal momento che tali servizi sono stati normalmente conferiti agli immigrati, non greci.

In terzo luogo, c’è stata una crescita esplosiva delle mense per i poveri e della distribuzione alimentare generale. I livelli non sono ufficialmente registrati, ma la Chiesa di Grecia distribuisce circa 250.000 razioni giornaliere, mentre ci sono un numero imprecisato di razioni distribuite dalle autorità comunali e le Ong. Per ordine del recente governo, le razioni comunali saranno aumentate ulteriormente a causa della crescente incidenza di svenimenti di bambini a scuola a causa di assunzione a basso contenuto calorico. Ci saranno anche pasti leggeri forniti ai giovani studenti.

L’evidenza della povertà, la disuguaglianza, e l’incapacità di accedere ai servizi primari conferma le dichiarazioni sempre più disperati da parte di persone in prima linea. Il paese è diventato un campo di interventi umanitari, e dovrebbe essere trattato come tale. E’ una vergogna per il governo greco e l’Unione europea chiudere un occhio su questo. La comunità umanitaria internazionale deve rispondere con urgenza.

The Guardian, 11 February 2013

Lascia un commento

Archiviato in GRECIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...