IL CANCELLO DELLE ILLUSIONI di Carlo Felici

 

 
 
Leggere ieri, sul sito di Utopia Rossa che Roberto Massari già dal 2007 scrisse ripetutamente a Grillo per offrigli prima la prefezione ad un bel libro suiForchettoni Rossi (la cosiddetta “sottocasta della sinistra radicale”) e poi chiedendo addirittura di parlarne perché “ci sei rimasto solo tu” sebbene non avesse mai ricevuto una risposta, mi ha seriamente disorientato.
Ma come? Mi sono chiesto, uno dei pochissimi movimenti che ancora con coerenza e trasparenza cristallina portano avanti una lotta di classe impostata su canoni marxiani e senza far sconti a nessuno, già da allora ammiccava a colui che di Marx e di lotta di classe pare che non senta nemmeno l’odore?
E se qualcuno volesse ribadire che questi sono concetti assai “datati”, si rilegga un articolo uscito su “Time” e si ricrederà, in esso, tra l’altro, vi è scritto a chiare lettere che “With the global economy in a protracted crisis, and workers around the world burdened by joblessness, debt and stagnant incomes, Marx’s biting critique of capitalism — that the system is inherently unjust and self-destructive — cannot be so easily dismissed. Marx theorized that the capitalist system would inevitably impoverish the masses as the world’s wealth became concentrated in the hands of a greedy few, causing economic crises and heightened conflict between the rich and working classes. “Accumulation of wealth at one pole is at the same time accumulation of misery, agony of toil, slavery, ignorance, brutality, mental degradation, at the opposite pole,” Marx wrote.
A growing dossier of evidence suggests that he may have been right
Insomma un crescente cumulo di dati evidenti suggerisce che Marx può avere avuto ragione.
Un riconoscimento che non è poco se scritto da fonti che non diremmo siano proprio di provenienza marxista ortodossa.
Però dubitiamo seriamente che i nostri politici leggano tali articoli, sia che essi siano posizionati a sinistra sia che lo siano a destra e sia che escano all’improvviso dal cilindro presidenziale della saggezza emergenziale.

E Grillo? Che ne dice? Perché sarebbe ritenuto qualificato da un gruppo di sicura e solida formazione marxiana (non scrivo marxista solo perché Marx stesso affermò di non essere mai stato marxista), al punto da essere colui che introduce e amplifica proprio la voce di chi con vena assai critica e corrosiva ha, per primo e in tempi non sospetti, criticato le peggiori derive neocentriste e filoimperialiste della sinistra dei “Forchettoni Rossi” nostrani?
Quelle che portarono a sostenere un governo Prodi il quale, tra l’altro, varò il più fantasmagorico aumento di spese militari mai fatto pagare al popolo italiano nel dopoguerra? (Ne dico solo una ma tutte le altre storture sono nel libro che vale davvero la pena di acquistare e di leggere) Qualcuno sa per caso quali sono le posizioni di Grillo nel merito di Marx o della lotta di classe?
Sul suo blog compare solo una intervista a Eric Hobsbawm al quale si domanda in primis se il marxismo non sia diventato un “fenomeno postideologico”
Nelle sue riflessioni, molto attente ai fenomeni che affliggono una società devastata dalla piaga sociale della precarietà, della marginalizzazione e della ingiustizia sociale, non ci pare di cogliere alcuna “pars adstruens” di spiccata vocazione socialista o marxista.
Anzi, a dir la verità, il conflitto di classe, sempre ammesso e non concesso che se ne parli, si svolge prettamente sul piano mediatico e virtuale, in quanto di grillini nelle fabbriche occupate, nei cortei, nelle manifestazioni per la tutela della scuola e di altri servizi pubblici essenziali, o per ribadire la contrarietà ad opere faraoniche o imprese militari che dissanguano il contribuente, se ne vedono pochi o nessuno. Non parliamo poi di quelle situazioni in cui si prendono sonore manganellate sulla cucuzza … obiettivamente il grillino pestato dalla polizia, non mi pare sia una immagine mediaticamente vincente

E dunque Grillo chi è veramente?
E’ un gate keeper? Uno cioè che finge di rappresentare il dissenso e lo scontento, sapendo poi sapientemente dirottare la massa verso temi e situazioni molto meno fastidiosi per chi detiene il vero potere?
Se dovessimo giudicare la sua ultima esternazione sulle cosiddette “badanti” della democrazia, forse dovremmo dubitarne..però se poi leggiamo la lettera che Monti gli ha indirizzato e ricordiamo una sua intervista del 6 Novembre 2011 in cui, tra l’altro diceva: “Io credo che ora questo Paese abbia bisogno di persone credibili, come lo e’ Monti, per traghettarci alle elezioni del 2013, cambiando la legge elettorale, il conflitto di interessi e bloccare il debito. Non ha iniziato male” Così, specialmente considerando quello che Monti poi, indipendentemente dalle aspettative di Grillo, ha fatto e soprattutto quello che non ha fatto in merito a legge elettorale e conflitto di interessi, saremmo portati a credere invece che certo “ammiccamento” (non certamente solitario) abbia giovato.
Però Grillo è anche uno specialista nel trasformismo verbale e nel revisionare sempre con il senno di poi quello che fu pensato e detto con il senno diverso di prima.
In particolare ci colpisce il suo uso spregiudicato di termini riferiti alla disabilità per denigrare i suoi avversari: “nani da giardino”, “non si può trattare gli italiani come minorati”, riferendosi a Maroni, disse “che non voleva competere con un disabile”, David Parenzo si beccò l’epiteto di “mongoloide”, e pensare che negli USA il capo dello staff di Obama ha dovuto fare pubblica ammenda solo per avere usato in sede privata la parola “ritardati”, accompagnata da una parolaccia, con alcuni attivisti liberali. Stentiamo quindi a capire come l’ambasciatore statunitense in un liceo possa incoraggiare i giovani a seguire il cosiddetto cambiamento favorito dalle istanze del movimento di Grillo.
O meglio, lo capiamo solo se lo inquadriamo nell’ottica del gatekeeper.
Nel paese che purtroppo porta ancora nel suo tronfio DNA le ignominie dei luoghi circensi, evidentemente l’insulto resta un blasone, una medaglia da ostentare come quelle dei reduci del Colosseo. Ovviamente per plebi destinate all’ignoranza e all’inconsapevolezza, più che alla incoscienza o alla coscienza di classe.
Come si fa, infatti, in uno dei soliti comizi strillati, a bersi una battuta su D’Alema che, non presentatosi in parlamento alla votazione per il condono fiscale, disse che “..nessuno l’aveva informato che era una votazione importante”, senza sapere che Grillo ha sfruttato ampiamente e varie volte quei condoni, come anche certa stampa ha fatto notare .
Grillo dice che per tutelarsi ha preso la residenza in Svizzera..perché “ogni mese c’è qualche leggina, qualche decretino che riduce le libertà e che viene annunciato sempre per il bene della Rete”..ma siamo sicuri che da lì non difenda meglio i suoi interessi fiscali più che quelli del suo blog?
E’ notizia di oggi che Marine Le Pen ha rivolto un appello a Grillo in nome dell’euroscetticismo..probabilmente Grillo non risponderà, ma questo è un segnale evidente del favore incontrato in certi ambienti dalle sue posizioni. La sua dichiarazione più sconcertante, in ogni caso, Grillo l’ha fatta con le testuali parole: “in realtà è in carica il governo Monti” trascurando del tutto che Monti è stato sfiduciato e che siamo andati per questo a votare, per eleggere un nuovo Parlamento.
Se Grillo dunque vuole che Monti sia in carica, non ha che da proporgli di presentarsi come premier e fargli votare la fiducia dal suo movimento, sempre ammesso e non concesso che i suoi lo seguano fino a tal punto.
Una volta uno che si azzardava, solo per scherzo, a fare una uscita simile, veniva bollato immediatamente come “nemico di classe”, anche perché i recenti provvedimenti sul lavoro e sul fisco di Monti sono stati palesemente una guerra aperta alle classi popolari meno abbienti.
Però forse oggi viviamo in tempi “postideologici”..e dunque non sarà il caso di scandalizzarsi ma di restare invece seriamente “svegli”.

Roberto Massari mi invita ad essere puntuale nei suoi confronti con queste testuali parole: “insisto, che tu sia preciso e dica la verità e cioè che il mio amore sadomasochistico per Grillo è cominciato nel 2007, non oggi, addirittura ad agosto, cioè un mese prima che il grillismo esplodesse col successo del V-Day. Puoi anche dire che nella ex sinistra e nella ex estrema sinistra io fui il primo a cadere davanti al volto mascherato del nemico di classe. Magari sarà una colpa, ma non vorrei rinunciare al mio primato anche in questo.
E volentieri lo accontentiamo, un primato del genere, infatti, oggi appare sicuramente quasi come un trofeo… se di grande intuito politico o di emerita dabbenaggine non sta a me a dirlo.


2 aprile 2013

dal sito http://legaecosocialistaporelsur.blogspot.it/

Lascia un commento

Archiviato in Felici Carlo, Grillo Beppe, Massari Roberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...